Caffè Galante

«common spaces and coffee houses have a rich history of affecting the democratic process» Jack Dorsey


Lascia un commento

L’ultima luna d’Agosto

A partire da sinistra, Giusy Scurria, Rosalia Perlungo, Elena Grasso

A partire da sinistra, Giusy Scurria, Rosalia Perlungo, Elena Grasso

Si è svolta lo scorso 17 Dicembre al Caffè Galante la presentazione del romanzo “L’ultima luna d’Agosto” di Rosalia Perlungo, Giambra editrice. L’incontro è stato organizzato dalla Pro Loco di Patti, in collaborazione con la casa editrice Giambra.

Lia è partita, tante volte, per luoghi e motivi diversi, in diverse epoche della sua vita, incrociando strade, volti, amori, dubbi, malinconie, ma il ritorno non cercato, forse neanche desiderato, si rivela soprattutto come ritorno dentro di sé, come appropriazione più consapevole di un mondo lontano, ma che non aveva mai perduto.

Durante la presentazione del romanzo, a cura di Giusy Scurria, Elena Grasso ha letto, alla presenza dell’autrice, alcuni brani del romanzo e Felice Rizzo ha eseguito alla chitarra alcuni suoi pezzi.

Guarda la fotogallery dell’incontro


2 commenti

La Senia del Brigantino

La_Senia_del_BrigantinoSi è tenuta al Caffè Galante lo scorso 22 Aprile, a partire dalle ore 18.00, la presentazione del romanzo storico di Giuseppe Alibrandi, “La Senia del Brigantino“, editrice Kimerik.

Dopo “I Libertari dei Nebrodi“, nel 2011, Giuseppe Alibrandi ritorna al Caffè Galante per raccontarci storie di schiavi e di pirati; ancora una volta uno spaccato storico-sociale della nostra terra.

Oltre all’autore sono intervenuti Giuseppe Restifo, docente di Storia Moderna presso l’Università degli Studi di Messina, e il critico letterario Sergio Spadaro.

La Senia del Brigantino” è un romanzo storico ambientato a partire dal 1535, al tempo degli scontri tra i cristiani di Carlo V, re di Spagna e di Sicilia, e i corsari musulmani guidati da Barbarossa, Khair ad-Din.

Tutta la costa barbaresca ha costituito una attivissima base di operazioni piratesche dirette contro le coste e le flotte dell’Italia meridionale, minacciate da continue incursioni e razzie che mirano all’espansione del dominio ottomano sull’occidente mediterraneo.

In questo complesso quanto affascinante e spietato contesto storico, Alibrandi si muove in maniera esperta e guida il lettore nelle peculiari atmosfere della guerra di corsa di cui furono protagoniste Francia, Inghilterra e Spagna, coinvolte in un intricato traffico di schiavi e di equilibri economici.

La caduta della Goletta, fortezza alle porte di Tunisi, l’assedio di Algeri – la città pirata – e la battaglia di Lepanto vengono affrontate con accuratezza, senza rinunciare all’elemento narrativo del racconto umano e delle fascinazioni del mito: nel cuore del canale delle Eolie si trova, infatti, la senia del brigantino del veneziano Achab, dove corsari cristiani e musulmani si incrociano, lasciando tracce di sé e della jihad di mare. Il moto perpetuo del mare, il suo incessante ripetersi, fa da specchio alla memoria e alla ciclicità della storia. La vita persiste, senza mai arrendersi all’ineluttabile e alla drammaticità della guerra di poteri, che tuttavia non si è ancora estinta. “La Senia del Brigantino” è un’opera colta e matura, a cui è certamente sottesa una notevole documentazione storica, aspetto che conferisce valore aggiunto alla lettura e ne fa un importante strumento di arricchimento didattico.

La fotogallery dell’evento e l’evento su Facebook

La recensione di Sergio Spadaro

Il booktrailer realizzato da Nino Cadili

L’intervista a Giuseppe Alibrandi di Giuseppe Giarrizzo prima dell’inizio della presentazione


Lascia un commento

Librizzi, Frammenti di poesia visiva

20150301_193234Lo scorso 1° Marzo, si è tenuta al Caffè Galante, la presentazione dell’interessante ed apprezzato volume fotografico di Laura Costantino, edito da Pungitopo, “Librizzi, Frammenti di poesia visiva“.

La giovane autrice, che si è diplomata nel 2013 all’Accademia delle Belle Arti di Reggio Calabria proprio con questo lavoro, presentato come tesi in “tecniche della fotografia”, ha realizzato un reportage che, nel rigore neorealistico del bianco e nero, coglie persone e luoghi nella loro realtà quotidiana. Il testo affianca alle interviste e alle “storie di vita” alcune interessanti pagine sulla funzione e sulla storia della fotografia nel secondo Novecento.

La presentazione, organizzata dall‘associazione “Il Paese Invisibile“, è stata introdotta dalla lettura, affidata ai bravi e coinvolgenti Marco Conti Gallenti e Marilia Gugliotta, di alcuni brani tratti dal libro a commento delle immagini, tratte anche queste dal libro della Costantino, fatte scorrere in una pacata quanto suggestiva atmosfera in cui il numeroso pubblico presente si è ritrovato inaspettatamente immerso.

Alla performance è seguito un dibattito, introdotto da una breve recensione di Gloria Faustini, cui hanno offerto il loro contributo prezioso, oltre alla giovane e brava autrice, i professori Carmelo Luca e Franco Pittari.

Erano inoltre presenti all’incontro l’editore Lucio Falcone ed il sindaco di Librizzi, Renato Cilona.

Riportiamo i link alla fotogallery dell’evento realizzata a nostra cura e a quella certamente più bella e interessante a cura di Melo Rifici.


Lascia un commento

Milena Milani e il Movimento Spaziale

locandina_evento_milani_al_cgE’ la seconda volta che Nino Abbate, l’artista ideatore del Museo Epicentro di Gala, torna al Caffè Galante; la prima volta fu nel Dicembre del 2011, pochi giorni prima della scomparsa del compianto Michele Spadaro (che lo presentò in quella circostanza al pubblico pattese), per raccontarci la storia di quel meraviglioso museo e per inaugurare la mostra di una selezione di sue opere; in questa circostanza, nel pomeriggio dello scorso 14 Dicembre, per parlarci, insieme a Nino Genovese, autore della prefazione del suo libro, “Milena Milani e il Museo Epicentro di Gala” edito da Giambra, del particolare e intensissimo rapporto telefonico-epistolare, che nasce e si alimenta grazie al Museo Epicentro e alla sua opera, con Milena Milani, una delle fondatrici del Movimento Spaziale fondato da Lucio Fontana.

L’intervento è stato preceduto dalla proiezione di un’intervista a Milena Milani, da quello di Andrea Italiano, che ha accennato al Movimento Spaziale, e da quello di Katia Trifirò, che, in omaggio al luogo dove si è svolto l’incontro, ha parlato del contributo del pattese Beniamino Joppolo al Movimento Spaziale dei cui manifesti fu autore e firmatario insieme agli amici Fontana e Milani.

Hanno concluso la serata gli interventi di un pubblico attento, tra cui segnalare quello particolarmente competente e appassionato di Carmelo Luca, e il buffet offerto dal Club Amici di Salvatore Quasimodo di Patti che ha patrocinato l’evento.

Il pubblico ha anche avuto modo di visionare, esposti in sala, documenti originali, foto e apprezzare una selezione di opere della stessa Milena Milani, di Nino Abbate, di Salva Mostaccio e di Michela Savaia.

Qui la fotogallery dell’evento


Lascia un commento

Cosi di Diu e cosi duci

La copertina del volume "Cosi di Diu e cosi duci"

La copertina del volume “Cosi di Diu e cosi duci”

Il Rotary Club Distretto 2110, Sicilia e Malta, ha appena dato alle stampe un pregevole volume, “Cosi di Diu e cosi duci“, edito dalla Fondazione culturale Salvatore Sciascia, in cui vengono presentati i dolci della tradizione siciliana; una raccolta di bontà conosciute e, soprattutto, sconosciute ai più, tra cui non potevano mancare i nostri pasticciotti di carne, che in questa pubblicazione trovano un importante strumento di promozione. L’opera così costituisce, per chi non conosce cucchitedde, spine sante, ciaurrina, mustazzola, pasticciotti e via elencando, un prezioso ausilio per arricchire la conoscenza della ricca e varia tradizione pasticcera siciliana, consentendo di far proprio un pezzo importante di quel patrimonio culturale, frutto di stratificazioni secolari, che fanno della Sicilia una terra invidiabile per la bontà e la creatività che riesce ad esprimere nella produzione di “cosi duci”. La valenza socio-culturale e storico-antropologica di questo volume scaturisce inoltre dalla scelta di legare le notizie sui dolci (con tanto di ricette complete di procedimento) al loro contesto umano e territoriale, raccontando anche dei santi o degli eventi religiosi dei luoghi dove vengono prodotti. Un golosissimo volume, e non soltanto perché tratta di dolci, che ci svela luoghi, tradizioni e culture le cui produzioni dolciarie sono espressione autentica e identitaria.

Venerdì 21 Marzo, alle ore 18.00, “Cosi di Diu e cosi duci” verrà presentato al Caffè Galante da Paola Sarasso, presidente del Rotary Club Patti-Terra del Tindari. L’incontro è finalizzato alla presentazione dell’opera e dei prodotti tipici della tradizione dolciaria siciliana e sarà inoltre occasione per riflettere sui benefici, anche in termini di sviluppo economico, che possono derivare da una corretta valorizzazione di tali prodotti.

L’evento su Facebook
_________________________
aggiornamenti

la photogallery dell’evento

IMG_7944Locandina dell'eventoInvito all'eventoCopertina del LibroIMG_7939IMG_7942
IMG_7943IMG_7946IMG_7948IMG_7949La pagina dei Pasticciotti di Carne di PattiLa pagina dedicata a Santa Febronia
IMG_7953IMG_7952IMG_7955Sfince_di_San_GiuseppeIMG_7956IMG_7916
IMG_7936IMG_7928IMG_7917IMG_7934IMG_7932IMG_7957

Cosi di Diu e cosi duci, un set su Flickr.

le slide presentate durante l’evento


1 Commento

Pasticciotti i carni, cardinali, cuddureddi, friciuletti e autri cosi duci

Le ricette della nonna Frannina

Antonella Aiello, “Le ricette della nonna Frannina”

Si è svolta nel pomeriggio di oggi 29 Dicembre, al Caffè Galante, la presentazione, a cura di Nerina Buemi, del ricettario di Antonella Aiello, “Le ricette della nonna Frannina“.

Le giovinette Maria Frannina e Giovanna Manfré Galante, alla fine dell’Ottocento, frequentando l’antico monastero di Santa Chiara, appresero l’arte pasticcera che poi contribuirono a diffondere all’esterno.

L’incontro, che ha registrato una folta partecipazione di pubblico, è stato l’occasione per parlare e riscoprire le ricette dell’antica tradizione pasticciera pattese, anche attraverso il racconto di alcuni aneddoti, e riflettere sul futuro e sulle possibili opportunità che potrebbero derivare all’economia locale da un’adeguata azione di promozione e valorizzazione di alcuni prodotti tipici ed esclusivi come i pasticciotti di carne e i cardinali.

L’autrice Antonella Aiello ha esposto le motivazioni che l’hanno portata a pubblicare, grazie alle numerose sollecitazioni ricevute, le ricette ereditate dalla nonna Maria Frannina e dalla madre Giovanna Veca, arricchendo il suo intervento con la narrazione di ricordi personali.

Nerina Buemi ha accennato alle origini storiche dei dolci pattesi mentre Nino Galante, dopo aver ricordato brevemente la nonna Giovanna Manfré, ha delineato alcune possibili iniziative per la loro promozione, da portare avanti insieme agli operatori di settore, che l’amministrazione comunale pattese vedrebbe favorevolmente.

Il pubblico, intervenuto numeroso, ha spesso brevemente interagito con i relatori mentre il prof. Franco Pittari, con un apprezzato intervento, ha riportato alcuni fatti ed episodi della sua infanzia e le iniziative messe in campo da amministratore pubblico per promuovere a suo tempo la diffusione dei prodotti pattesi (come l’ideazione dei cardinalini che tanto successo ha avuto tra i pasticceri pattesi).

__________________________________________

photogallery dell’evento

IMG_7886IMG_7875IMG_7876IMG_7877IMG_7878IMG_7879
IMG_7880IMG_7881IMG_7882IMG_7883IMG_7884IMG_7885
IMG_7887IMG_7888IMG_7889