Caffè Galante

«common spaces and coffee houses have a rich history of affecting the democratic process» Jack Dorsey


Lascia un commento

Un Punto Informativo per i Visitatori della Città presso il Caffè Galante

In occasione della XIII^ Settimana della Cultura, il Club Amici di Salvatore Quasimodo di Patti, con la collaborazione della Libreria Mosca e di Angeli per Viaggiatori istituisce presso il Caffè Galante

sabato 16 Aprile, dalle ore 16.30 alle ore 20.00 e
domenica 17 Aprile, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.30 alle ore 20.00
 
un punto informativo a disposizione dei visitatori della città dove sarà possibile ricevere informazioni di carattere culturale e turistico sulla città e il relativo territorio.
 
Saranno anche resi disponibili, per la consultazione, libri riguardanti la città di Patti; in particolare sarà possibile consultare la ristampa anastatica, edita da Pungitopo, della raccolta del periodico pattese degli anni trenta del secolo scorso “Vita Nostra“, dove scrissero personaggi come Quasimodo, Pugliatti, Saggio, Mellina.
 
Sarà inoltre possibile visionare contenuti multimediali realizzati dal Club Amici di Salvatore Quasimodo di Patti.

 

Annunci


Lascia un commento

Identità  europea e processi di unificazione

Organizzato da Argonauti – archeologia e beni culturali tra Patti e Tyndaris, con il patrocinio del comitato Patti150Italia e del Club Amici di Salvatore Quasimodo di Patti, si svolgerà sabato 9 Aprile, alle ore 17, presso il Caffè Galante, l’incontro-dibattito “Identità europea e processi di unificazione”, a cura del prof. Alessio Lo Giudice, docente di Filosofia del Diritto presso l’Università degli Studi di Catania e presso l’Università degli Studi di Messina.

Una seria riflessione sull’assenza dell’Europa nella gestione di problemi e questioni che hanno un rilievo sicuramente europeo comporta la necessità di comprendere i presupposti, la storia e il significato politico-istituzionale del processo di unificazione europea. Ciò permetterebbe di sottolineare come l’assenza dell’Europa sia soprattutto dovuta alle storiche resistenze degli Stati nazionali rispetto alla realizzazione di una compiuta unità politica europea. Ma queste resistenze sono giustificate? È davvero impossibile pensare a un’efficace condivisione politico-culturale tra i paesi membri dell’UE? È quindi impensabile un’identità istituzionale dell’Europa che supporti il governo condiviso di problemi comuni? Un altro concetto di identità e un’altra idea dell’unità politica sono in realtà necessari per giungere a una compiuta definizione istituzionale dello spazio europeo; per comprendere le sorti di una terra a vocazione cosmopolitica e storicamente aperta all’altro, chiunque esso sia.

locandina712

Aggiornamento: fotogallery dell’evento