Caffè Galante

«common spaces and coffee houses have a rich history of affecting the democratic process» Jack Dorsey


Lascia un commento

Caffè Galante primo negozio storico in Italia a “I Luoghi del Cuore” 2018, Grazie!

Puntualmente, come preannunciato, a poco più di due mesi dal 30 Novembre, quando si è concluso, sono stati finalmente resi noti nei giorni scorsi i risultati del 9° censimento “I Luoghi del Cuore” 2018.

Avevamo già diffuso, alla fine della competizione, notizie sui voti raccolti, che il risultato raggiunto era stato di gran lunga superiore a quello della precedente edizione del 2016 e che con un tale risultato, una volta avuta la validazione dei voti, avremmo conquistato il diritto di partecipare alla fase successiva del contest, in cui poter presentare al FAI, Fondo Ambiente Italiano, un progetto di recupero per il Caffè Galante e cercare di ottenerne il finanziamento.

Ebbene, il risultato atteso è stato confermato e il posizionamento ottenuto nelle varie classifiche ha riservato piacevoli e anche inaspettate sorprese che ci hanno gratificato e che fanno ben sperare per il futuro prossimo.

Riepilogando, i voti validati e attribuiti sono stati 4605, confermando quasi per intero (con lo scarto di soli 18 voti sul totale) il risultato atteso; nel mese di Marzo il FAI emetterà un bando, riservato ai luoghi che hanno conseguito almeno duemila voti, per partecipare, con la presentazione di un apposito progetto, alla richiesta di finanziamento di un intervento di restauro per il proprio luogo. Il finanziamento in questione potrà variare dai mille ai trentamila euro per ciascun luogo ammesso a partecipare al bando e, da quanto appreso nella conferenza stampa di presentazione dei risultati, l’attività di selezione sarà svolta dal FAI in stretta collaborazione con le soprintendenze ai beni culturali e ambientali dei territori di pertinenza.

Analizzando ora i dati relativi al posizionamento dei luoghi nelle varie classifiche, possiamo dire che i risultati conseguiti dal Caffè Galante si rivelano come un’ulteriore occasione di richiamo di attenzione verso la città e il territorio di cui lo storico caffè è parte; 92^ posizione nella classifica nazionale assoluta, 8^ posizione nella classifica dei luoghi siciliani, 2^ posizione nella classifica dei luoghi della provincia di Messina e, del tutto inaspettatamente, 1^ posizione in Italia nella classifica della categoria dei Negozi Storici, superando il famoso Caffè Pirona di Trieste (classificatosi al 169° posto della classifica generale), dopo essergli stato dietro per tutta la durata del contest, da Maggio a Novembre 2018.

In attesa ora che venga pubblicato il bando del FAI, si stanno valutando le modalità per inoltrare alla Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Messina la richiesta di dichiarazione di interesse culturale (il cosiddetto vincolo).

Il successo registrato in questa edizione de “I Luoghi del Cuore”, che ha visto più che quadruplicarsi i voti raccolti dal Caffè Galante rispetto alla precedente edizione del 2016 (non solo dalla città o dal territorio circostante e provinciale, essendo molti voti pervenuti da varie parti d’Italia e persino dall’estero), grazie a chi lo ha votato e a chi con il proprio impegno si è speso per favorire la raccolta dei voti, testimonia l’affetto e l’interesse verso questo piccolo caffé liberty siciliano di cui si vorrebbe poter fruire pienamente e lo riconosce come luogo che arricchisce l’offerta culturale e turistica del territorio.

Ringraziamo quindi con sincera gratitudine tutti coloro che votando hanno reso possibile questo successo e coloro che in prima persona si sono particolarmente spesi per raccogliere i voti o per favorirne la raccolta con il coinvolgimento di conoscenti e amici o organizzando iniziative che hanno permesso di far conoscere Caffè Galante ad una platea più ampia di persone in Italia e all’estero; molti di loro fanno parte del Comitato Pro Caffè Galante che ha seguito e coordinato la campagna dal Maggio al Novembre del 2018.

Tra coloro che hanno organizzato la raccolta di voti o contribuito a diffondere la campagna in rete ringraziamo in particolare, Giovanna Galante, Margherita Sidoti, Giuseppe Orlando, Cristina Picone, Mariella Saitta, Rosalia Simone, Gaia Mairo, Angela Pipitò, Marianna Bonsignore, Alessio Bartolo, Antonio Orlando, Maria Campana, Claudio Taranto, Luisa Cicero, Elisa Mugneco, Francesco Zappia, Angelo La Naia, Franco Gianelli, Francesco Privitera, Antonietta Privitera, Anna Privitera, Mattia Olivo, Lucia Olivo, Nino Lo Iacono, Alberto Quartana, Nino Miragliotta, Anna Ricciardi, Salvo Nigro, Elena Trombetta, Cettina Aiello, Piero Paolicelli e gli amici di Open Data Sicilia e de Lo Stretto Digitale, alcuni negozi e attività artigianali del centro storico di Patti, CeliaVegando, Biancheria Giuseppe Faranda, Gioielleria Martines, Fotografia Antonino Germanò, Sartoria Natalino Agostino, Heroes Store, Farmacia Gugliotta, Little Market Giorgio e, all’estero, Carmelo Guido Galante e Monika Kielbowska, dal Regno Unito, Laura Galante e Fintan McArdle, dalla Nuova Zelanda, Lyubov Dovgaya, dalla Russia.

Tra coloro che hanno contribuito con varie iniziative, un grazie particolare a Nino Cadili, che oltre a raccogliere voti ha prodotto alcuni video promozionali molto belli per la campagna a favore del Caffè Galante, a Salvatore Cascio, protagonista bambino di Nuovo Cinema Paradiso, che con l’aiuto di Fabio Fornasari e Lucilla Boschi ha lanciato in un bellissimo video un invito molto forte e virale a favore del Caffè Galante, ai giornalisti, ai pubblicisti e alle relative testate di appartenenza, che si sono dimostrati sempre attenti nel diffondere le notizie riguardanti il Caffè Galante lungo tutta la durata del contest; Salvo Pizzuto (ConPatti), Benito Bisagni (Anni 60 News), Massimo Scaffidi (Scomunicando), Giuseppe Giarrizzo (Gazzetta del Sud, 98Zero), Claudio Taranto e Calogero Barone (TelePatti), Giancarlo D’Amico e Massimiliano Gagliano (InCammino), Giulia Pepe (Snap Italy), Canale Sicilia e Gioiosa Today.

Un ringraziamento a Salvatore Pantano che con professionalità ha brillantemente condotto il dibattito “Quale futuro per il Caffè Galante?” svoltosi il 18 Novembre e a cui hanno partecipato, seguiti da un attento e numeroso pubblico, Antonio Presti (Fondazione Fiumara D’Arte), Giulia Miloro (Delegazione FAI di Messina), Renato Di Blasi (Consorzio Tindari Nebrodi), Giuseppe Lembo (Pro Loco di Patti), Angela Pipitò (Italia Nostra), Filippo Nasca e Luigi Giacobbe, che ringrazio per avervi partecipato e per essersi prodigati in consigli e suggerimenti sulle possibili vie da seguire per restaurare e riaprire il Caffè Galante.

Un particolare ringraziamento ad Anna Ricciardi che ha avuto l’idea e con slancio generoso ha organizzato “Una Domenica Galante”, una giornata, quella appunto del 18 Novembre, che con il supporto del Comune di Patti (grazie anche al sindaco Mauro Aquino e all’assessore al Turismo, Ignazio Lipari), dell’Unione Commercianti Pattesi (ringraziamo in particolare il presidente Teodoro Cafarelli, Veruska Martines e gli associati Pasticceria del Bignè, Pasticceria Jolì, Pasticceria Sciotto, Pasticceria Dolci Delizie, Panificio La Coccinella, Pasticceria Le Dolcezze, Enoteca Compay Ron, Pizzeria Al Vecchio Carcere, Pizzeria Il Vicoletto, Prodotti bio CeliaVegando, Little Market Giorgio, Martines Gioielli e Dettagli Calzature che hanno contribuito ad arricchire la serata con i loro prodotti) e con il coinvolgimento degli alunni della Scuola Media V. Bellini di Patti, coordinati dal prof. Giuseppe Pizzardi, e degli artisti che hanno esposto le loro opere o che si sono esibiti, ha posto Caffè Galante al centro dell’attenzione, sensibilizzando la cittadinanza pattese, che ha risposto entusiasta e solidale, per conseguire l’obiettivo di passare alla fase successiva del contest e poter aspirare ad ottenere i primi mezzi per il restauro del Caffè Galante.

Per concludere, il nostro ringraziamento non può quindi che andare a loro, agli artisti che durante quella serata memorabile ci hanno regalato emozioni e suggestioni che hanno messo in risalto la loro bravura e anche la bellezza del nostro centro storico; Cinzia Maccagnano, i solisti del Coro Lirico Siciliano, Valentina Martino, Stefania Di Stefano, Antonella Mollica, Stefano Molica, Marco Zappia, Claudio Faranda, Simone Corso, Adriana Mangano, Nunzia Lo Presti, Salvo Nigro, Federico Chiofalo, Vincenzo Pinzone, gli Extremo Sud (Franco Arigò, Luigi Perroni, Carmelo Finocchio), Giuseppe Pizzardi, Laura Costantino, Alice Fasolo, Alessandra Baiocchi, Salvo Amato, l’Associazione Artisti per Caso.

Grazie.

Annunci


Lascia un commento

Una Domenica Galante

Una giornata di festa per il Caffè Galante

Domenica 18 Novembre 2018

Caffè Galante, via Regina Elena, 15 e piazza Luigi Sturzo

Centro Storico di Patti

Caffè Galante, lo storico caffè liberty di Patti, partecipa al nono censimento de “I Luoghi del Cuore”, il famoso contest organizzato ogni due anni dal FAI, Fondo Ambiente Italiano, per promuovere il recupero e la salvaguardia dei luoghi da non dimenticare, dei luoghi che fanno bella l’Italia

I luoghi che alla fine del censimento avranno cumulato un minimo di duemila voti potranno inoltrare al FAI una richiesta d’intervento di restauro.

Per sensibilizzare la cittadinanza e invitarla a dare il proprio voto al Caffè Galante e favorire così il restauro di un gioiello liberty nel cuore della città, musicisti, artisti, attori, registi, intellettuali, cantautori, pittori, fotografi, insieme, con il coordinamento di Anna Ricciardi, daranno vita ad un evento speciale, un happening, che ha l’obiettivo di voler proteggere e raccontare la bellezza di un luogo unico nel suo genere, il Caffè Galante, crocevia di culture e segno dell’identità di una città.

Una Domenica Galante prenderà il via al mattino e sarà caratterizzata da un’installazione artistica, da esposizioni di quadri e fotografie, dal coinvolgimento dei ragazzi della Scuola Media Bellini in attività creative e proseguirà, nel pomeriggio, con il dibattito “Quale futuro per il Caffè Galante?” e subito dopo con uno spettacolo in cui si esibiranno artisti di varie discipline.

All’interno del Caffè Galante durante tutta la giornata saranno presenti delle postazioni dove il pubblico potrà esprimere il proprio voto. Chi volesse votare online può invece farlo seguendo il link

https://www.fondoambiente.it/luoghi/caffe-galante?ldc

Aggiornamento: la fotogallery della giornata

Programma

ore 10.30: apertura del Caffè Galante e libero accesso alle esposizioni all’esterno e all’interno del locale;
piazza Sturzo:
Installazione artistica a cura dell’Associazione Artisti per Caso.
Caffè Galante:
opere pittoriche e fotografiche di Laura Costantino
fotografie di Alice Fasolo e Alessandra Baiocchi
foto subacquee di Salvo Amato
opere dell’Associazione Agorartis coordinata da Giuseppe Pizzardi.

ore 11.00: Contest di caviardage sulle pagine più celebri della letteratura siciliana, a cura della Scuola Media Bellini

ore 16.00: Dibattito, Quale futuro per il Caffè Galante?
Interverranno:
Mauro Aquino, Sindaco di Patti
Renato Di Blasi, Presidente Assemblea dei Sindaci del Consorzio Tindari-Nebrodi
Giulia Miloro, capo delegazione FAI di Messina
Teresa Pugliatti, già prof. ordinario di Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi di Palermo
Antonio Presti, Presidente della Fondazione Fiumara d’Arte
Fabio Fornasari, architetto museologo (in collegamento da remoto)
Angela Pipitò, responsabile Italia Nostra Nebrodi
Filippo Nasca, direttore generale presso la Regione Siciliana
Luigi Giacobbe, storico dell’arte
Giuseppe Lembo, Presidente Pro Loco Patti
Nino Galante, Comitato Pro Caffè Galante.

Coordina Salvatore Pantano

ore 17.30: Happening Arte per Arte
Parteciperanno
I solisti del Coro Lirico Siciliano
Valentina Martino, 
Stefania Di Stefano, Stefano Molica, Antonella Molica in “Patti allo specchio
Marco Zappia, piano;
Claudio Faranda, flauto;
Simone Corso in “Detto Vann’Antò“;
Adriana Mangano ne “Il ritorno di Colapesce”.
Ensemble di musica popolare:
Salvo Nigro
, canto, flauti e plettri
Franco Arigò, chitarra
Federico Chiofalo, organetto e tamburi
Gigi Perroni, percussioni
Carmelo Finocchio, basso
Vincenzo Pinzone, fisarmonica
Stefania Di Stefano, canto 
Cinzia Maccagnano, voce recitante di “Vento a Tindari

Coordinamento, Anna Ricciardi

Gli organizzatori ringraziano per la  disponibilità l’Amministrazione Comunale di Patti e per la collaborazione l’Unione Commercianti Pattesi.

Cinzia Maccagnano, attrice di fama nazionale: «”Vento a Tindari” è la lirica più rappresentativa del rapporto di Quasimodo, con la nostra città e con gli intellettuali pattesi che amavano riunirsi al Caffè Galante: e con questi versi vorrei sensibilizzare tutti per la tutela e la valorizzazione di un luogo, memoria di cultura e poesia. Sono felice di poter contribuire alla “rinascita” di un movimento culturale che si raccoglie attorno al Caffè Galante come occasione d’incontro e crescita. Il Caffè può essere simbolo di questo ritrovato e necessario movimento culturale che in passato ha fatto grande la città di Patti ed ha costituito terreno fertile da cui la nostra generazione ha tratto nutrimento per i propri sogni e progetti».

Stefano Molica, Associazione Nuovi Teatri: «Nino Falcone e Franco Martines ci hanno lasciato un archivio storico importantissimo: quartieri, personaggi, modi di dire e perfino imprecazioni, rivivono in “Patti allo specchio”, un libro che ogni pattese dovrebbe leggere per ritrovare parte di sé o per scoprire di appartenere a questi luoghi pur non avendone memoria. Il Caffè Galante è parte della nostra storia sociale e culturale. Intellettuali e gente comune hanno trascorso, fra quei tavoli, il tempo di un caffè o giornate intere. Anche lì, ognuno di noi troverebbe qualcosa che è appartenuta ad un parente, una storia comune con un amico, una diatriba fra amanti… insomma, tutti sono passati dal Caffè Galante. E tutti dovrebbero passarci ancora una volta e un’altra ancora, per ritrovarsi insieme, pattesi e non, nuove e vecchie generazioni, nel tentativo di ricostruire una tessitura sociale, un senso di appartenenza che non tenda alla conservazione delle divisioni culturali, ma all’avvicinamento fra queste, per una Patti allo specchio davvero radiosa».

Marco Zappia, giovane pianista: «Ritengo sia importante che ciascuno di noi dia il proprio contributo, nel mio caso attraverso la musica, per far rivivere il Caffè Galante che è stato e spero continui ad essere luogo di incontro ricco di memoria e arte».

Salvo Amato, istruttore di immersioni ed esperto naturalista subacqueo, specializzato in fotografia subacquea: «Ho sentito subito il coinvolgimento ed ho messo a disposizione alcune opere che il mare di Patti mi ha concesso, sono immagini del mondo sommerso che esaltano la bellezza del Mediterraneo e del Golfo di Patti con cui spero di poter contribuire ad una raccolta di voti proficua».

Simone Corso, giovane attore: «Penso che il presente non debba somigliare al passato, ma solo conoscendo chi siamo stati possiamo somigliare a noi stessi. Al Caffè Galante si trovavano poeti e pensatori, costruttori di bellezza. Far rivivere quel luogo può far rivivere una parte di noi di cui oggi, nel mondo, c’è assoluto bisogno».

Adriana Mangano, giovane attrice messinese, legge un breve racconto di Nunzia Lo Presti (autrice e attrice): «I luoghi non sono posti vuoti e farli vivere è una riconquista continua, vuol dire non dimenticare chi ci è passato prima di noi, tramandare quello che è stato, guardandolo con occhi nuovi. E forse il senso delle tradizioni oggi è anche quello di ripensare il mito: guardare avanti con memoria dei propri passi, cercare dettagli nuovi ogni giorno, anche se si fa sempre la stessa strada».

Salvo Nigro, compositore e musicista: «Racconto una Sicilia antica attraverso i canti d’amore e di lavoro: la musica tradizionale riflette le vicende storiche di un popolo e immagino che nei suoi quasi cent’anni di vita il Caffè Galante abbia raccolto le testimonianze più autenticamente identitarie di una città che rivendica la forza della sua memoria».

Nell’evento che sosterrà e promuoverà il restauro del Caffè Galante, un gioiello Liberty nel cuore di Patti, la neonata Associazione di Promozione Sociale Agorartis, propone i dipinti del maestro Giuseppe Pizzardi. L’artista, in queste sue opere, elimina ogni aspetto decorativo alla ricerca dell’assoluto che, sulle tele, si manifesta attraverso il colore sublimato dalla rarefazione dei bianchi, dell’ocra e delle terre. All’interno di una geometria ben calibrata, emergono simbologie che alludono al misticismo ed evocano reminiscenze lontane, arcaiche, pervase da un’atmosfera che induce al silenzio, alla riflessione, alla meditazione.

Associazione Artisti per Caso. Le installazioni vogliono evocare attraverso le figure emblematiche e notevoli che frequentarono il Caffè Galante il senso profondo dell’Arte come arma di rivoluzione sociale.

Laura Costantino. Omaggio al Caffè Galante. Una bellezza vissuta, lontana dai canoni estetici del mondo contemporaneo. Un volto solcato da rughe profonde, in cui la linfa vitale scorre ancora, nonostante l’età avanzata. Una donna anziana che stringe a sé un infante, una “Madre” che stringe a sé l’intera fragilità umana. Una donna che stringe sé stessa in un abbraccio, nel tentativo di proteggersi da una minaccia che incombe sulle sue esili certezze, quelle che quotidianamente ha opposto alla distruzione della sua intera identità. In una società che corre veloce e baratta l’umanità per l’effimero, la vita reale per quella ideale, la naturalezza per l’artefatto, tutta questa tensione emotiva si sposta dal livello figurativo a quello metaforico, tramite il quale l’artista prova a comunicare la sua urgenza narrativa.

I solisti del Coro Lirico Siciliano omaggeranno il Caffé Galante immaginando le canzoni e le arie che dal grammofono si spandevano dentro la sala nel segno di una musica senza tempo come l’identitá di questo luogo.

Extremo Sud, band di musica popolare siciliana, nelle parole del suo portavoce Stefania Di Stefano«Riproponiamo canti tradizionali siciliani rivisitati e contaminati con suoni contemporanei. Contribuiamo con la musica a preservare un luogo simbolo della cultura della città, in cui presente e passato si uniscono».

La Scuola media Bellini di Patti parteciperà all’evento con un contest di caviardage, tecnica nata dalla geniale creatività dell’artista barcellonese Emilio Isgrò, le cui opere, realizzate con il linguaggio artistico della “cancellatura”, hanno riscosso un successo internazionale. Alunni ed insegnanti della Scuola media Bellini inviteranno tutti i partecipanti a cimentarsi con tale tecnica, in una attività che dalla cancellatura di parole o intere frasi di una pagina di testo letterario riesce a far nascere, creativamente, testi, poesie, pensieri. «Nuovo non è ciò che non c’era prima; nuovo è ciò che riesco a scoprire e far riemergere di buono e positivo in ciò che ho ricevuto dalla tradizione, in ciò che già c’è e di cui magari non mi ero mai accorto. Un po’ come il tentativo, a cui questa iniziativa è legata, di dare “nuova” vita al Caffè Galante».


Lascia un commento

I luoghi della poesia, Quasimodo e il suo tempo

20170724_214717Si è svolta lo scorso 24 Luglio, organizzata dal Club Amici di Salvatore Quasimodo di Patti, con il patrocinio della Città di Patti, dell’Assessorato Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana e del Servizio Turistico Regionale di Patti, la prima edizione de “I luoghi della poesia” dedicata, quest’anno, al poeta siciliano Salvatore Quasimodo, premio Nobel per la letteratura nel 1959.

Come è noto, Quasimodo frequentò Patti tra la fine degli anni venti e l’inizio degli anni trenta del secolo scorso per incontrarsi con gli amici della lieve brigata di “Vento a Tindari” (Salvatore Pugliatti, Enzo Misefari, Glauco NatoliVann’Antò, Giovanni Asciak, Nino Mangano, Letterio D’Andrea, Raffaele Saggio, Carmelo Sardo InfirriGiuseppe Mellina, Michele Mancuso). I luoghi frequentati erano generalmente Casa Saggio e Caffè Galante, luoghi, insieme ad altri del centro storico pattese, interessati dalla serata del 24 Luglio (come da programma).

Nell’intento degli organizzatori, Quasimodo, protagonista della serata, è stato il pretesto per compiere un excursus storico e poetico del Novecento, secolo quanto mai travagliato e sconvolto dai due conflitti mondiali, e da qui la scelta di leggere per complementarietà anche testi di altri suoi contemporanei (Majakovskij, Brecht, Pessoa, Thomas, Steinbeck, Neruda, Levi, Corso) per dare infine voce ad alcuni giovani poeti pattesi dei nostri giorni (Antonella D’Amico, Stefania Faranda, Davide Galipò, Serena Piraino).

Durante la serata tre gruppi di visitatori, partendo ad orari prestabiliti dalla sede del Servizio Turistico Regionale, hanno seguito un percorso attraverso il centro storico pattese fermandosi in alcuni luoghi dove ascoltare, accompagnati da appropriato sottofondo musicale, i testi di Quasimodo e degli altri poeti già citati e la narrazione dei principali fatti storici che hanno caratterizzato il secolo scorso.

Al Caffè Galante per rievocare il “genius loci” era stato predisposto l’angolo dove Salvatore Quasimodo amava sedersi insieme agli amici di “Vento a Tindari” e di “Vita Nostra” (il periodico pubblicato a Patti negli anni trenta per iniziativa degli amici pattesi di Quasimodo e nato in quello stesso angolo del Caffè Galante).

20170724_230811

Lyubov Miroshnikova Dovgaya

Ma evento nell’evento, per il Caffè Galante la serata si è rivelata ancora più speciale, poiché abbiamo avuto il piacere di accogliere tra i visitatori, una cara amica russa del Caffè Galante, Lyubov Miroshnikova Dovgaya, di San Pietroburgo, che giunta in Sicilia nello stesso giorno, ha voluto partecipare alla serata organizzata dal Club Amici di Salvatore Quasimodo di Patti, visitando il luogo che nello scorso anno, durante il censimento FAI 2016 sui Luoghi del Cuore, con così tanto amore e passione ha sostenuto, mobilitandosi presso i suoi amici russi alla ricerca di quel consenso che ha permesso al Caffè Galante, grazie anche al suo aiuto, di conquistare oltre i mille voti. Come se non bastasse, Lyubov ha voluto regalare al Caffè Galante due ormai introvabili e preziose raccolte di poesie di Quasimodo tradotte in lingua russa; “Сальваторе Квазимодо, Избранная зарубежная лирика” (“Salvatore Quasimodo, Selezione di liriche straniere”), edito a Mosca da Giovane Guardia nel 1967 e, soprattutto, “Моя страна — Италия” (“Il mio Paese è l’Italia”),

20170724_230838_rr

Моя страна – Италия (Il mio Paese è l’Italia)

edito a Mosca da Foreign Literature Publishing House nel 1961, trovato dalla nostra amica con molta determinazione e attraverso una serie di peripezie, grazie anche all’aiuto del giovane figlio Ilja, nella remota città siberiana di Novosibirsk. Regali più graditi e appropriati, nella serata dedicata a Quasimodo non potevano esservi e di questo e di tutto il suo amore per il Caffè Galante siamo molto grati alla nostra cara e generosa amica Lyubov.

 

La Fotogallery della serata al Caffè Galante


Lascia un commento

La visita della scrittrice Simonetta Agnello Hornby al Caffè Galante

Simonetta Agnello Hornby firma sulla scheda del FAI per il censimento "I Luoghi del Cuore" per esprimere il suo voto a sostegno del Caffè Galante

Simonetta Agnello Hornby firma sulla scheda del FAI per il censimento “I Luoghi del Cuore” per esprimere il suo voto a sostegno del Caffè Galante (foto di Valeria Triolo)

La scrittrice Simonetta Agnello Hornby visita il Caffè Galante e siede nell’angolo ove solevano raccogliersi gli amici della “lieve brigata” di Vento a Tindari e i loro ospiti, Salvatore Quasimodo e Salvatore Pugliatti.

Infine, prima di salutare, esprime il suo apprezzamento e sostegno per il luogo, firmando per il censimento del FAI sui “Luoghi del Cuore”; un voto molto apprezzato ed autorevole che si aggiunge a quelli espressi dai numerosi fan del Caffè Galante.

Guarda la fotogallery


Lascia un commento

Costituzione del Comitato Pro Caffè Galante


Venerdì 25 Novembre 2016, alle ore 18.00,
presso il Caffè Galante, in via Regina Elena, 15 a Patti, si costituirà il Comitato Pro Caffè Galante.

Il Caffè Galante è l’ultimo caffè storico rimasto in Sicilia, è un luogo unico nella nostra regione che va valorizzato e difeso, un luogo che ha una storia da raccontare ed un’unicità che ne fa un potente attrattore culturale e turistico, un’autentica ricchezza del territorio.

Ecco perché crediamo sia venuto il momento di costituire il Comitato Pro Caffè Galante; l’occasione, per chi vorrà farne parte liberamente e senza alcun onere d’iscrizione, per testimoniare con forza l’amore per questo luogo e per esprimere sostegno verso chi vorrà adoperarsi per trovare soluzioni che consentano di riaprirlo stabilmente.

L’8° Censimento FAI de “I Luoghi del Cuore” sta dando l’opportunità di vedere quanto numerosi siano coloro che dimostrano amore per il Caffè Galante.

Questo incontro sarà dunque l’occasione per:

– costituire il Comitato Pro Caffè Galante,

– raccogliere su appositi moduli i voti di quanti pur volendo votare hanno incontrato difficoltà a farlo on line

– presentare alcuni degli eventi che a breve si svolgeranno all’interno dello storico locale.

Presenzierà all’incontro come gradita ospite d’onore la prof.ssa Teresa Pugliatti.

Coloro che, pur non potendo essere presenti all’incontro, vogliano aderire al Comitato Pro Caffè Galante, potranno utilizzare l’apposito modulo di adesione

E’ possibile infine votare on line sulla pagina del “FAI – I Luoghi del Cuore” fino al 30 Novembre 2016, previa registrazione.