Caffè Galante

«common spaces and coffee houses have a rich history of affecting the democratic process» Jack Dorsey

Il fiore più alto del ciliegio

2 commenti

Il fiore più alto del ciliegio

Nino Casamento, “Il fiore più alto del ciliegio”, edizioni Kimerik

Dopo la presentazione, nel Novembre del 2010, de “La neve e il mare“, è un ritorno quello di Nino Casamento al Caffè Galante, scelto ancora una volta per la presentazione a Patti del suo ultimo romanzo, “Il fiore più alto del ciliegio“, edito da Kimerik.

La presentazione, a cura del prof. Carmelo Luca, avrà luogo domani, domenica 15 Dicembre alle 17.30. Alla presenza dell’autore, Masino Bisagni leggerà alcuni brani tratti dall’opera.

Il romanzo è un viaggio negli avvenimenti, anche quelli più sconvolgenti e drammatici, che hanno segnato gli ultimi settant’anni di storia italiana, dall’immediato dopoguerra fino ai giorni nostri. Protagonista è Antonio, un vecchio insegnante ormai in pensione, che in uno struggente recupero di memoria ripercorre la storia della sua vita. Dagli anni della sua fanciullezza vissuti in una Sicilia povera, ma genuina, a quelli della gioventù trascorsa in una Torino flagellata dalle violenze del terrorismo, fino al ritorno definitivo in Sicilia. Qui lo troviamo impegnato in un’esperienza politica intensa e appassionata, troncata però dal sopraggiungere della stagione di tangentopoli, che lo porta amareggiato e deluso a ritirarsi a vita privata.

locandina

la locandina dell’evento

Trascorre i suoi giorni solitari dedicandosi alla cura del suo orto, alla lettura e soprattutto alla scrittura per un recupero di luoghi, personaggi e vicende della sua terra. Anche il figlio Roberto, l’unico affetto rimastogli di una famiglia disastrata, dopo la laurea è costretto a trasferirsi al Nord, in Friuli. Quando d’estate torna in Sicilia, tra padre e figlio s’intrecciano appassionati colloqui, in cui si mettono a confronto le condizioni delle due realtà del Paese, del Nord e del Sud d’Italia.

E si sviluppa un’impietosa analisi delle trasformazioni che ha subito la società italiana, aggredita dalla crisi economica e infiacchita dal degrado culturale e morale.

Sconsolato ma lucido è il bilancio che Antonio traccia non solo della sua vita, ma dell’ intera generazione cui appartiene, che ritiene abbia fallito, lasciando alle giovani generazioni un mondo vuoto, violento ed egoista. In questo tunnel oscuro della delusione nella parte finale del libro si apre però un orizzonte di luce che prefigura un possibile riscatto, grazie ad una coraggiosa decisione del figlio.

Anche in questo romanzo, Nino Casamento, a cui va il nostro ringraziamento, non tralascia di citare il Caffè Galante in uno degli episodi narrati.
__________________________________________
Aggiornamento: photogallery dell’evento

IMG_7860IMG_7861IMG_7862IMG_7863IMG_7864IMG_7865
IMG_7866IMG_7867IMG_7868IMG_7869IMG_7870IMG_7871
IMG_7872IMG_7873IMG_7874

Il fiore più alto del ciliegio, un set su Flickr.

Advertisements

2 thoughts on “Il fiore più alto del ciliegio

  1. Bella iniziativa, congratulazioni! melo Date: Sat, 14 Dec 2013 21:00:37 +0000 To: carmelorifici@tiscali.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...