Caffè Galante

«common spaces and coffee houses have a rich history of affecting the democratic process» Jack Dorsey

Caffè Galante: Aggiornamento sulle attività in corso

Lascia un commento

Articolo pubblicato originariamente sul blog di Kublai

Ci eravamo lasciati il 18 Dicembre con il nostro primo post sui diari ed eccoci di nuovo qui per raccontare cosa è successo nel frattempo e in attesa che domani (ormai oggi 3 Gennaio) si svolga un altro momento importante per gli obiettivi del progetto: l’incontro con i responsabili del Parco Letterario Salvatore Quasimodo per capire quali passaggi effettuare per l’inserimento nel parco del Caffè Galante e di Casa Rubes (un alleato locale).

Dopo quindi la presentazione del nostro progetto, avvenuta lo scorso 7 Dicembre, ai pattesi presenti in sala, in occasione della riapertura del caffè, e la presentazione del social network Infopatti/40xPatti, avvenuta il 12 Dicembre, il 19 è stata la volta dei bambini; i piccoli hanno scoperto un posto a loro sconosciuto dove hanno potuto ascoltare la lettura di alcune fiabe (tratte da “Il Giardino di Petra” di Rosaria Micale, Yorick Editore, lette dall’autrice e dall’editrice) che li hanno divertiti e rapiti; forse da grandi ricorderanno ancora quella serata in cui hanno ascoltato fiabe al Caffè Galante e magari sarà stata un’occasione per insegnar loro ad amare e rispettare un luogo che è patrimonio della memoria storica della città e che intanto, anche grazie a loro, rivive. Le foto che abbiamo scattato, anche se non di grande qualità, rendono, comunque, l’idea dell’atmosfera che si è creata durante l’evento e di come si ascoltasse e anche si interagisse.

Il 22 sarebbe stata la volta della solidarietà con la presentazione di una fiaba (“Dorino” di Nino Lo Iacono, Kimerik Editore) il cui ricavato dalla vendita l’autore ha deciso di donare ad una onlus che assiste soggetti autistici. E’ stato l’unico degli eventi programmati che non si è svolto a causa della mancanza di pubblico. Qualcosa non ha funzionato, è giusto riportare anche questo.

Il 23 si è parlato di energia: “Energie: dalle fonti fossili a quelle rinnovabili”; organizzato e curato dalla locale sezione di Legambiente (il gruppo pattese del Circolo dei Nebrodi), la serata sembrava stentasse a partire a causa dello scarso pubblico presente in sala, ma dopo circa 15 minuti dall’inizio le persone hanno iniziato ad arrivare (che fosse l’antivigilia di natale non aiutava certamente ad avere un pubblico numeroso), tant’è che gli interventi del pubblico arrivato in ritardo hanno costretto i relatori a riprendere in qualche modo l’argomento delle fonti fotovoltaiche trattato all’inizio. Durante la discussione, in cui sono state illustrate le varie fonti energetichealternative e la possibilità che il loro uso trasformi il consumatore in produttore, è emerso che gli attuali incentivi fiscali a favore dell’uso delle fonti alternative, nella formulazione attuale, risultano fruibili, di fatto, solo dai soggetti ad alto reddito escludendo, in tal modo, larghe fasce di possibili destinatari sopratutto nel Mezzogiorno, dove è maggiore, ad es., l’insolazione (e quindi la possibilità di un uso più efficace della fonte) ma anche la presenza di soggetti e famiglie a basso reddito. La serata è stata un autentico crescendo, con parecchi interventi da parte del pubblico. Si è parlato anche del ciclo dei rifiuti e della loro gestione nel nostro territorio con un applaudito intervento finale di Nicola Calabria, il pattese alla guida dell’Associazione Consumatori Siciliani, da egli stesso fondata, che in questi anni si è parecchio diffusa in tutta la Sicilia e che si batte contro la presenza in Sicilia di ben 27 ATO Rifiuti e contro la loro gestione clientelare ed inefficiente. La serata si è conclusa con la sala ancora piena e ben oltre l’orario previsto di chiusura dell’incontro.

Il 30 è stata la volta degli studenti (liceali e universitari) e della loro provocazione: “Patti città senza politica; un excursus storico delle vicende socio-politiche di Patti dal secondo dopoguerra ad oggi”.  Sala gremita sin dall’inizio, ecco le foto, e persone in piedi all’ingresso, ventenni e settantenni mescolati tra di loro (con la presenza di alcuni protagonisti dei fatti narrati). L’associazione giovanile “Studenti Cittadini del Mondo” ha presentato lo studio di uno dei loro membri, il laureando, in scienze politiche all’università di Catania, Giuseppe Giarrizzo, su una parte di storia di Patti poco esplorata; ripercorrendo le vicende storiche di Patti a partire dal fascismo fino agli anni 70, Giarrizzo ha evidenziato le contrapposizioni succedutesi tra le varie fazioni (cattolici, sinistra, massonici) e disegnato i contorni di una crisi politica ed economica cittadina che trova le proprie cause nella mancanza di valori e nelle politiche prevalentemente praticate nel corso degli anni, quella dello sfruttamento e quella clientelare. Le conclusioni finali hanno evidenziato la necessità di promuovere ulteriori occasioni di confronto che favoriscano la consapevolezza tra i cittadini e lo sviluppo di pressioni dal basso nei confronti della classe politica e amministrativa cittadina, lodando la prospettiva che il Caffè Galante possa assolvere il ruolo di luogo che ben si presta nel favorire queste occasioni d’incontro e confronto.

Nei prossimi giorni gli ultimi due eventi programmati nel periodo e, in previsione, la possibilità di continuare ad utilizzare il Caffè Galante (anche prima degli attesi interventi di restauro necessari per recuperarlo alle sue precedenti funzioni e predisporlo stabilmente e adeguatamente alle nuove) per ulteriori esperienze come quelle sperimentate, con interazioni tradizionali tra il pubblico presente in sala e le nuove forme di interazione tra quest’ultimo e gli utenti della rete.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...